Laboratorio Interattivo Manuale

L'Esperto in Classe con un Click


2 commenti

BUONE PRATICHE: I bastoncini di legno

Avete presente i bastoncini di legno? Quelli del ghiacciolo per intenderci o quelli che il dottore usa per abbassare la lingua?

Ebbene, oggi è possibile trovarli e acquistarli in colorificio, al Brico e ai negozi per l’igene della casa nella sazione dedicata alla ceretta, in diverse grandezze e spessori… ma cosa farne?

Molti li usano per i lavoretti:

bastoncini lavoretti

Ma quello che trovo veramente interessante di questi bastoncini è l’uso didattico che ne fanno le maestre americane… loro infatti li usano per proporre attività didattiche di lingua e matematica, in un modo da rende l’apprendimento più dinamico e divertente… quasi un gioco!

Inoltre vengono usati per gestire l’attività in classe (selezionare chi deve svolgere il mediatore in un gruppo ad esempio, questo l’ho provato, e ai bambini piace un sacco pescare il bastoncino e scoprire chi gestirà l’attività per quel giorno!), per sorteggiare un’attività da svolgere nei tempi morti, costruire, stimolare, sperimentare le forze della fisica…. date un’ occhiata alla varietà di proposte sulla bacheca dedicata!

legnetti e sticks

 

Annunci


Lascia un commento

Giochiamo a Maggiore, Minore e Uguale

>    <    =

Questi tre piccoli segni rappresentano un importante traguardo per i bambini. Il saperli leggere correttamente e utilizzare sono da sempre uno step fondamentale e allo stesso tempo molto difficile!

Vi proponiamo quindi un avvicinamento a questo concetto attraverso una variante del gioco di carte “Straccia Camicia”, in modo che i bambini possano avvicinarsi a questi “temibili” segni giocando e divertendosi!!!

SCHEDA TECNICA


Lascia un commento

Studiare con metodo: fantasia o realtà?!!!

Al giorno d’oggi si privilegia la qualità nello studio piuttosto che la quantità,  piuttosto che imparare a memoria pagine e pagine di nozioni si preferisce che l’alunno capisca, riassuma e interiorizzi con parole sue quanto studiato… tuttavia questo percorso è tutt’altro che semplice!!!

Non basta un generico “Studiare pag. 57” altrimenti avremmo un vago e generico apprendimento!

Se in prima elementare non insegnamo le lettere una ad una, i bambini non imparano a leggere! Se non insegnamo a contare da 1 a 10 non potremo svolgere delle operazioni.

Quindi, per studiare… (rullo di tamburi)… bisogna imparare a studiare!

Tutti abbiamo imparato, prima o poi, la domanda è: “Quanta fatica ci è costato?”

Ricordo che in prima media la prof. di matematica ha fatto un pomeriggio extra curricolare per spiegarci il metodo di studio… a quel tempo imparare a studiare era evidentemente facoltativo! Inutile dire che 2 ore concentrate sul metodo di studio hanno fatto davvero la differenza! ^_-

Ebbene per me è una parte fondamentale e imprescindibile dallo svolgimento delle materie stesse. In ogni materia è utile saper studiare in maniera efficace!

In classe abbiamo riflettuto su come affrontare la pagina del libro, e abbiamo individuato una scaletta che segue ovviamente una logica… dopo una prima lettura:

1. la pagina andrà riletta per capire meglio i passaggi e i particolari più significativi (facendo attenzione anche al glossario e alle didascalie delle foto);

2. si dovranno ricercare le informazioni più importanti e individuare le parole chiave (magari sottolineandole con un colore);

3. si potrà riassumere la pagina con frasi brevi;

4. si dovrà procedere a ricostruire e organizzare in schemi e mappe ciò che si è imparato;

5. si potrà ripetere a voce alta in modo da saper raccontare in maniera sicura.

Per fare in modo di tenere bene a mente la sequenza abbiamo creato il nostro cartellone personale: ogni alunno ha ritagliato, completato e colorato le parti dell’allegato 2 e poi le ha assemblate su un cartoncino A3, da portare a casa e da appendere vicino alla postazione di studio!

cartellone_murale_esempio_LIM

In classe, invece, vi suggerisco di appendere i cartelloni murali con indicati i 5 step!

Questo slideshow richiede JavaScript.

CARTELLONI MURALI DA STAMPARE

Se infine preferite qualcosa di meno invadente… potete costruire un Minibook a forma di pentagono da tenere sempre nel libro di testo!

pentagonoInfine, ultimo ma non meno importante, ricordatevi di… ripassare!!!!

provato in classe Dalla 3^ A della Scuola primaria Borgo Rosselli – ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO NARDI DI PORTO SAN GIORGIO insieme alla maestra Laura Properzi.

Trovate la cronaca momento per momento sul sito della loro classe… davvero un ottimo lavoro!

Qui potete vedere la foto di un quaderno:

https://i2.wp.com/www.lauraproperzi.it/nuovo/e107_images/blog_terza/lapbook_metodo9.jpg

Bella anche l’idea di fare un cartellone con tutte le fasi dello studio, con i nomi delle materie che orbitano intorno alle immagini, a ricordarci che il metodo è applicabile in ogni situazione!

Cartellone Metodo di Studio classe 3^A

 

 

 

 

 


2 commenti

UNITÁ DI MISURA: IL METRO

L’attività di oggi è volta a un primo approccio con il concetto di Unità di misura.

Attraverso una riflessione che parte dagli oggetti dell’aula i bambini vengono invitati a provare a misurare gli oggetti con misure non convenzionali, come le mani.

Poi viene introdotto il concetto di unità di misura convenzionale e nello specifico il metro.

I bambini sono poi invitati a costruire un metro di carta in maniera cooperativa e a realizzare delle ranocchie di carta con la tecnica dell’origami in modo da poter poi partecipare alla Gara del Salto della Rana!

 

SCHEDE DIDATTICHE SUL METRO PER L’ATTIVITÁ DIDATTICA

SCHEDA TECNICA CON CARTAMODELLO PER REALIZZARE LE RANE E LA PISTA

TABELLONE SEGNA SALTI

VIDEOTUTORIAL

 

 

 


Lascia un commento

Ripassare le Tabelline

mazzo di carte tabelline LIM

Le tabelline possono essere faticose da studiare, e soprattuttutto difficili da ricordare nel tempo, soprattutto se si sono appena studiate e ci aspetta un’estate di mare, colonie e tanto divertimento!!!

L.I.M. propone un modo divertente e veloce per ripassare le tabelline, e perchè no anche per studiarle!

Il Mazzo di Carte delle Tabelline è un modo di studiare autonomo, autogestito dal bambino e adatto a consolidare i punti deboli di ogni alunno!

Quindi che aspettate?

Andate a vedere i VIDEO dedicati a questa nuova attività:

– TUTORIAL: COME REALIZZARE IL MAZZO DI CARTE

– TUTORIAL: COME USARE IL MAZZO DI CARTE PER RIPASSARE LE TABELLINE

– TUTORIAL: COME REALIZZARE UNA SCATOLINA PER CONSERVARE IL MAZZO DI CARTE

SCARICA TUTTI GLI ALLEGATI PER REALIZZARE QUESTO PROGETTO:

Mazzo_di_Carte_delle_Tabelline_Scheda_Tecnica_LIM

SUL BLOG “SIAMO IN SECONDA” TROVATE MOLTI ALTRI SPUNTI PER GIOCARE CON LE TABELLINE!