Laboratorio Interattivo Manuale

L'Esperto in Classe con un Click


Lascia un commento

BUONE PRATICHE… “Educo ergo sum” *

“L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento”: così recita l’art. 33 comma 1 della Costituzione.

Uno dei più begli incisi costituzionali, spesso disatteso. I pilastri della scuola dovrebbero essere: arte (da “muoversi verso qualcosa, compiere”), scienza (da “sapere”), libertà (da “piacere, gradimento”), insegnamento (da “segnare dentro” e, quindi, “imprimere nella mente”).

Così esordisce la Dott.ssa Margherita Marzario nel suo articolo Il diritto all’arte e alla cultura tra letteratura e diritto ** un articolo veramente interessante su quello che la scuola era, è, e potrebbe essere!

Andate a leggerlo!!! Ho trovato molto belli i passaggi sulla grammatica e sui vecchi insegnanti che incontrano i loro alunni da grandi! ^_^

Oggi lo stampo e lo attacco in aula insegnanti, vicino al manifesto…

Allora tu sei maestro se”

Se entri in classe come si va in vacanza
Se il tuo cuore batte più forte vedendo i tuoi allievi
Se ogni viso è per te un’anima da amare
Se tu riprendi con gioia il dialogo sospeso
Se ogni tua ora passata è presto fuggita
Se ami il tuo lavoro ogni anno che passa
Se la tua opera ti sembra incompleta
Se ti senti debole, ma la fiducia è immensa
Se Dio ogni giorno è il tuo confidente
Se le dita irrequiete e i piedi rumorosi ti sono sinfonia
Se le inevitabili difficoltà ti troveranno sorridente
Se la tua giustizia sa fasciarsi d’amore
Se tu combatti il male, ma non il colpevole
Se ogni giorno che passa ti trova migliore
Se, senza esserne schiavo, tu segui un metodo
Se, incatenato, ogni giorno conservi l’anima libera
Se, sapendo tante cose, tu non ti senti sapiente
Se, al posto di sempre insegnare, tu sai ascoltare
Se tu sai essere fanciullo pur restando maestro
Se tu sai essere maestro senza sentirti maestro
Se davanti alla bellezza sai meravigliarti
Se per la verità tu resti intransigente
Se la tua vita è lezione e le tue parole silenzio
Se la vita è preghiera e la tua fede splendente
E se i tuoi allievi vogliono somigliarti,
allora tu sei maestro.

A. GILLE’


* “Educo ergo sum” di Dario Missaglia, Ediesse 2010, Roma
** Fonte: Il diritto all’arte e alla cultura tra letteratura e diritto
 (www.StudioCataldi.it)
 


Lascia un commento

BUONE PRATICHE: decorare l’aula a tema

Le nostre scuole e aule sono purtroppo, molto spesso… troppo spesso disadorne.

I corridoi bianchi e i muri delle aule spogli regalano un senso di freddezza e impersonalità al nostro rientro a scuola dopo le vacanze.

Decorare l’aula secondo le stagioni e le festività è un modo per rendere l’ambiente più accogliente!

Regina di quest’arte è Maestra Valentina, che nel suo blog propone ogni anno innumerevoli modi di decorare l’aula!

Sicuramente potranno interessarvi le sue decoraioni per Halloween!

Vere streghe dai poteri magici sono anche le maestre americane, che decorano le porte delle loro aule in maniera davvero suggestiva!!!

classroom_doors_LIM

 


2 commenti

TI CONSIGLIO… Libri che parlano di libri!

Non c’è niente di più affascinante dei libri… e dei libri che parlano di libri!!!

Nella letteratura, ogni tanto, qualche autore ci regala una storia poetica nella quale mette tutto il suo amore per quello che fa, ovvero scrivere libri!

Pensando all’inizio dell’anno scolastico e soprattutto ai bambini di prima che si approcciano per la prima volta alla lettura, voglio dedicare questo post a un libro che mette in contatto i bambini con questo merviglioso mondo!

Nel 2012 è uscito un bellissimo cortometraggio, vincitore del premio Oscar, dal titolo “I Fantastici Libri Volanti di Mr. Morris Lessmore”. Questo cortometraggio muto, parla ai bambini e agli adulti di tutto il mondo attraverso la poesia della musica e all’amore che ognuno di noi, come il protagonista, ha per i libri.

Libri che volano veramente, a significare la metafora del viaggio  che ci fanno fare quando li leggiamo.

Libri che curano, con le loro parole i vuoti dentro di noi…

Vi consiglio quindi la visione di questo bellissimo cartone, a cui potrà seguire sicuramente un’analisi più approfondita da fare con i bambini su quello che hanno capito, che potrà concludersi con la lettura del libro della Rizzoli, che toglie il velo e ci toglie ogni dubbio su quello che le immagini e la musica volevano dirci!

SITO UFFICIALE

Se vi interessano altri libri che parlano di libri… vi consiglio di leggere i post di Cristina Zambello sui libri per crescere!


Lascia un commento

BUONE PRATICHE: la LIM in classe!

Eccoci al secondo appuntamento di “Buone pratiche”!

Oggi vorrei parlare della LIM, ovvero della Lavagna Interattiva Multimediale, che ormai “decora” molte delle nostre aule!

Ho usato il termine “decora” perchè, purtroppo, mi sono resa conto che questo strumento è al momento notevolmente sottovalutato e spesso utilizzato come televisore o stereo!

Anche se nel web si trovano molti esempi di un uso sempre più efficace, la realtà è che molti non sanno utilizzare i programmi dedicati alla lavagna e si limitano a far vedere documentari o ingrandimenti di file pdf o word!

Cerchiamo quindi di approfondire quelle che possono essere le potenzialità di questo strumento!

A questo proposito vi consiglio di leggere l’articolo LIM É… scopriamo il potenziale della LIM  di http://apprendere.weebly.com.

Per usare la LIM come una lavagna  occorre utilizzare degli appositi programmi che sono pensati come una specie di power point. Infatti le pagine sono gestite come delle slide e l’insegnante può importare oggetti, sfondi, link e scrivere direttamente con la tastiera o il pennarello.

Il bello è che, con questi programmi, è possibile creare i file in anticipo, oppure direttamente durante la lezione secondo le esigenze del momento!

Molto popolare nelle scuole è il programma SMART, di cui è possibile scaricare una versione di prova di 30 giorni  o una versione per  la sola visualizzazione.

Per saperne di pìù potete visionare i VIDEOTUTORIAL di maestra Antonella.

Altri programmi per la LIM sono Interwrite e Olidate. (hvbscuola.it propone molte lezioni sviluppate con questi due programmi e SMART).

Inoltre se avete bisogno di ulteriori chiarimenti e materiali potete visitare anche www.didaweb.net e lauraproperzi.it

Noi di Laboratorio Interattivo Manuale però abbiamo scelto il programma ActivInspire della piattaforma Promethean Planet.

Si tratta di una piattaforma a cui si appoggia anche Giuntiscuola per distribuire le lezioni per la LIM della rivista La Vita Scolastica.

Semplicemente iscrivendosi al portale con indirizzo mail e password si ha la possibilità di scaricare una versione base del programma, che però ha tutte le funzionalità necessarie sia per leggere dei file che per  crearne di nuovi. Inoltre permette anche di importare file di SMART.

Ma la cosa più interessante è che, una volta logati al sito, è possibile entrare in una community veramente attiva, dove, sotto la sezione Risorse Didattiche, è possibile trovare moltissime lezioni già pronte, sviluppate dagli stessi insegnati.

Inoltre è possibile caricare le proprie lezioni e metterle a disposizione di tutti!!!


2 commenti

La Tribù degli Indiani Cucù: schede per l’italiano e attività artistiche di consolidamento!

Il consolidamento dei suoni fonologici è molto importante, soprattutto quando si incomincia a scrivere…

Nota a tutti è la famosa poesia di Gianni Rodari la “Tribù degli Indiani Cucù” dove gli indiani hanno come nomi le “paroline difficili” che vanno scritte con la C invece che con la Q!

Ecco le nuove schede, con rappresentati i protagonisti di questa filastrocca, da tagliare e incollare sul quaderno o da appendere in classe come manifesto!!!

scheda_indiani_cucù_poesia_illustrata_LIM

scheda_indiani_cucù_vignette_LIM

Cartelloni_murali_indiani_cucù_LIM

Cartelloni_murali_indiani_cucù_LIM_2 Cartelloni_murali_indiani_cucù_LIM_3 Cartelloni_murali_indiani_cucù_LIM_4 Cartelloni_murali_indiani_cucù_LIM_5 Cartelloni_murali_indiani_cucù_LIM_6 Cartelloni_murali_indiani_cucù_LIM_7 scheda_indiani_cucù_poesia_illustrata_LIM scheda_indiani_cucù_vignette_LIM

 A questo punto non resta che trasformarsi in indiani con pettorale e piume in testa!

Ecco un’attività divertente da proporre in arte o al laboratorio per consolidare il lavoro fatto in italiano!

SCHEDA TECNICA:

Allegati: Gli Indiani Cucù: pettorale e piume

TUTORIAL: 

 

Segnaliamo un’attività autocorrettivo per il ripasso di queste parole capricciose:

http://www.bancadelleemozioni.it/flash/trova/orto201.html